Gravidanza, L'osteopata

Le cicatrici

cicatrici osteopatia

Le cicatrici chirurgiche creano un grande impatto sul nostro corpo e sulla nostra mente per il ricordo che le accompagna. Inoltre le aderenze che creano nei tessuti sottostanti limitano lo scivolare delle fasce che avvolgono organi e visceri creando trazioni importanti in quel punto di sutura. Chi di noi ha una buona elasticità dei tessuti riesce a gestire al meglio tali trazioni senza l’insorgenza di un fastidio o di un dolore ma soprattutto senza alterare la postura e la mobilità del nostro corpo.

cicatrici osteopatiaIl taglio cesareo andando a “ segnare” la sensibilità della pelvi femminile e dei tessuti circostanti può creare una trazione in loco e degli stimoli riflessi dolorosi nella zona lombo-sacrale posteriore. Questo accade perché tutta la zona vive cronicamente in uno stato di “facilitazione” ovvero una condizione dove gli stimoli dolorosi, termici e pressori sono molto amplificati e inviano continuamente impulsi alla colonna vertebrale corrispondente facendo irrigidire i muscoli. Inoltre le aderenze tessutali sottostanti creano poca mobilità dell’utero rispetto alle strutture ad esso annesse come il colon o l’osso sacro. Ecco che la cicatrice di un taglio cesareo, nonostante si presenti esteticamente bella, non è funzionale ed anzi crea dolore!

La manipolazione osteopatica può essere utile per migliorare il processo cicatriziale in modo da permettere una guarigione che garantisca il corretto scorrere dei tessuti adiacenti in modo che non si creino alterate informazioni neurologiche che possono facilitare il dolore nella zona lombare. Inoltre sarà compito dell’osteopata insegnare alla neo-mamma come prendersi cura della propria cicatrice utilizzando una semplice serie di movimenti che renderanno quel “taglio” meno difficile da accettare.

Silvia Zanon, osteopata
contatti e riferimenti qui

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>