Comunali

25 NOVEMBRE: MADRI CONTRO LA VIOLENZA AL TEATRO CAMPLOY

La violenza domestica, in particolare contro le donne, è purtroppo una realtà drammatica e ancora attuale. Quindi, risulta sempre più importante parlarne, far discutere, creare una cultura della non violenza. Ogni anno il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza sulle Donne e, anche per il 2014,  puntuale torna anche l’appuntamento con “Madri, contro la Violenza”.

Per questa edizione, l’evento si terrà al Teatro Camploy alle 18, e vedrà protagonista lo psichiatra veronese Vittorino Andreoli che parlerà della violenza contro le donne,l’ intervento  dal titolo “Tu pensi quello che io penso. Tu vuoi quello che io voglio” sarà preceduto dallo spettacolo teatrale “La bambola”, atto unico del grande psichiatra veronese rappresentato per la prima volta lo scorso ottobre dal Teatro Scientifico con la regia e l’interpretazione di Isabella Caserta e Francesco Laruffa.

In contemporanea, verrà proiettata nel foyer del teatro, la videoinstallazione SVAW! 3/2014, a cura di  Giancarlo Beltrame, realizzata, anche in questa terza edizione, con immagini provenienti da tutto il mondo, create con smartphone o tablet e raccolte sui social network.

La bambola con Isabella Caserta e Francesco Laruffa

 

L’evento è promosso da MADRI.All’origine del  coraggio, progetto ideato e curato da Maria Teresa Ferrari e Antonia Pavesi, in collaborazione col Teatro Scientifico. L’incontro è inserito nell’ambito del progetto “Insieme si può!”, promosso dal Comune di Verona, Assessorato alle Pari Opportunità.

Lo spettacolo è consigliato esclusivamente a un pubblico adulto. Ingresso libero.

Info

tel. 045/8031321  – Tel. 346 6319280
www.teatroscientifico.com
mail madriverona@gmail.com
facebook/madri.verona
twitter @MADRI_verona

You Might Also Like

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>