Garda-Baldo, Informarsi

Autismo: “Madre natura, le tue coccole mi fanno crescere”, seminario a Balconi di Pescantina

Autismo, piccoli ritardi nello sviluppo e genitorialità consapevole: l‘importanza degli stimoli genitoriali per figli a sviluppo speciale, seminario da mamma a mamma.

“I nostri figli sono un seme nella terra che sta germogliando. I nostri figli faticano a mettere germogli, noi fatichiamo ad essere madri. Ma il cuore è nella terra e nell’acqua e nel vento…. è negli elementi tutti insieme, che cooperano per la vita…” (Nu Burg)

Queste sono le parole che quasi due anni fa mi hanno colpito al cuore, aprendomi un mondo, aiutandomi a vedere oltre le difficoltà, ad andare oltre l’ostacolo non ignorandolo ma conoscendolo, capendolo e quindi trasformandolo. Forse, per assurdo, si potrebbe anche dire che non c’è nulla di nuovo: tutto è già dentro di noi, nel nostro cuore di mamme, nella nostra pelle, nelle nostre viscere… certo è tutto lì ma non riusciamo a dargli voce, ci mancano le parole della consapevolezza, soffocati come siamo da mille stimoli esterni a fare, a dire, a provare, a forzare, forse anche a sopprimere, senza rendercene conto. E accade di riuscire a sorridere di nuovo e soprattutto a far sorridere di nuovo i nostri figli che sentono di essere finalmente riconosciuti…

10710506_1494802727453596_4643941137594127412_o

Questa è la chiave: la consapevolezza di ciò che possiamo fare, di ciò che siamo come genitori, non più medici o terapisti dei nostri figli ma solo genitori che guidano l’amore con la consapevolezza, perché l’amore da solo a volte non basta… Nuni non ci parlerà di metodi o di terapie… no! Lei parlerà da madre a madre intendendo per madre ogni persona che accoglie questi piccoli nella propria anima, madre, padre che sia, fratello, sorella, zii, nonni, amici, vicini di casa, insegnanti o terapisti… e questa è una premessa molto importante. Parlerà da madre a madre delle regole che segue lo sviluppo, trasformando in parole semplici i meccanismi e gli automatismi che sempre sottostanno all’integrazione di un riflesso e quindi ad ogni nuova conquista dei nostri figli.

Parlerà da madre dell’importanza degli stimoli genitoriali per lo sviluppo dei nostri figli e della consapevolezza che questo comporta, partendo dal recupero dei gesti più semplici: un abbraccio prolungato, una carezza, le coccole, i massaggini. Parlerà con dolcezza e comprensione di dolcezza e comprensione… È un sapere che affonda le sue radici nella natura, che parte dalle leggi della natura stessa per aiutarci a comprendere, a riconoscere.

“Un figlio che si sviluppa normalmente noi sappiamo come sostenerlo, è tutto così spontaneo […]. Stimoliamo i nostri figli a sviluppare la capacità di respirare, muoversi, di coordinarsi, di ingoiare, di sorridere e rispondere alle sollecitazioni, stimoliamo in loro il senso del pericolo o dell’affidamento, li stimoliamo a parlare, a comunicare col corpo, ad avere relazioni con gli altri, a provare amore, affetto, compassione, a stare fermi, a essere rilassati. In modo inconsapevole noi li stimoliamo e loro, in modo altrettanto inconsapevole si sviluppano fino all’autonomia.

Quando lo sviluppo si interrompe o si disorganizza, per qualsiasi motivo, non importa la causa (ognuno di voi ha ricevuto una diagnosi diversa) un genitore non sa cosa fare, un figlio non sa cosa fare […] perché anche per noi, l’essere genitori ‘stimolatori di sviluppo’ è un processo automatico: se dipendesse da una qualche nostra volontà, saremmo tutti indistintamente dei genitori abilissimi a crescere qualunque figlio Dio o la Natura ci ha dato in sorte. L’autismo ci costringe alla consapevolezza di cosa stiamo facendo attimo per attimo e di come funziona lo sviluppo dei nostri figli, dal concepimento in poi.

Quei processi naturali che ci consentivano in modo istintivo di far sviluppare i nostri figli adesso bisogna saperli vedere, leggere, riconoscere, non dai libri delle teorie della mente ma direttamente alla fonte: nelle leggi della natura che possiamo osservare intorno a noi attraverso l’esperienza, la comprensione e la pratica amorevole” (Nu Burg).

Il 6 e il 7 dicembre Nuni Burgio sarà a Verona, precisamente a Balconi di Pescantina, presso la Scuola Materna “G. Calabrese” in via Siedlce, 4: è un seminario gratuito, o meglio, come ama dire Nu, un seminario no-ticket e questo è un messaggio importante, soprattutto di questi tempi… come a dire che la consapevolezza alle leggi di sviluppo, per una genitorialità fisiologicamente efficace, non può essere comprata ma solo offerta con amorevolezza.

È necessario iscriversi contattando uno dei numeri sulla locandina o riportati qui sotto: vi invitiamo tutti perché è un evento particolare, assolutamente unico nel suo genere. Grazie,
Cecilia

 

INFO E CONTATTI

Il Seminario è nato per desiderio e grazie all’impegno di genitori di figli a sviluppo speciale, ha ricevuto il Gratuito Patrocinio del Comune di Pescantina, il sostegno del Servizio Educativo del Comune e la gratuita disponibilità della Relatrice, Nuni Burgio, Asperger e Libera Ricercatrice sullo Sviluppo Umano Naturale. 

Iscrizioni: Cecilia 3389276181 – Laura 330 860 186 – Alessia 329 392 7991
Evento FB: http://www.facebook.com/events/337324289783903/
Scarica qui la locandina formato PDF

 

You Might Also Like

One comment

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>